Lavinia Dickinson Edizioni

  • Giorgio Ghiotti

La poesia di Antonella Rizzo nel centro dell’uragano

Aggiornamento: 18 ago 2021


Antonella Rizzo

È un viaggio impervio quello affrontato dai versi di Antonella Rizzo nella silloge di poesie dal bel titolo A quelli che non sanno che esiste il vortice (Lavinia Dickinson Edizioni), è un regressus verso la propria isola, nel centro dell’uragano, in quella zona di quiete assoluta nella quale portare in salvo, come un bottino segreto, i vasi d’infanzia, gli anni di una guerra condotta in punta di penna, il peso degli anni, parole recitate, biglietti e ricordi di viaggio, cani, uomini e santi, reliquie quotidiane divenute simboli, immagini che appartengono alla poeta per intercessione della parola, per miracolo della lingua, per appartenenza a un popolo, a un tempo, a un genere, a una storia che la precede e la comprende. La poesia di Antonella Rizzo ha la capacità straordinaria di alimentarsi, di ricaricarsi a ogni rilettura, e davvero sembra parlare, la poesia, per bocca dell’autrice in questi due splendidi versi: “Io venivo a bere e assetata / tornavo più avida di prima”.


Ho scritto di cose che attraversano la storia del mondo nel quale sto vivendo. Le ho riunite. Sono vissuta emotivamente raminga con l’ossessione di trovare la mia isola come fecero i miei antenati balcanici. * L’ultima reliquia è un cartoncino bianco custodiva lo scontrino del bistrot circondato da vetri, vicino San Giovanni. L’ultimo caffè, quello che sapeva di ricordo la storiografia del momento lieve di un posto illuminato, un giardino d’inverno un prezzo esibito con eleganza. * Invoco il vuoto, il danno ai ricordi lo stimma dei vecchi e il loro silenzio. La memoria che usura, ammala, che sfianca riduce i limiti e quindi col tempo racconta la morte degli eroi, amatissimi figli fertile e rustica come gramigna. Voglio le sacche svuotate dai mali.


Giorgio Ghiotti (Roma, 1994), poeta, scrittore, vive tra Roma e Milano, dove studia italianistica contemporanea e collabora con l’editore Bompiani. Ha esordito nella narrativa con la raccolta di racconti Dio giocava a pallone (nottetempo 2013) e nella poesia con Estin­zione dell’uomo bambino (Perrone 2015). Ha inoltre pubblicato il romanzo Rondini per formiche (nottetempo 2016), il saggio narrativo Via degli Angeli(Bompiani 2016) con Angela Bubba, la silloge di racconti Gli occhi vuoti dei santi(Hacca 2019). Tra i suoi ultimi libri ricor­diamo, per la poesia, La città che ti abita(Empirìa 2017) e Alfabeto primitivo (Giulio Perrone Editore 2020); per la saggistica, Costellazioni (Empirìa 2019). Scrive di libri sulle pagine culturali de “il manifesto” e ha collabora­to con riviste e blog letterari quali “Nazione Indiana”, “Nuovi Argomenti”, “minima&moralia”.


Nelle foto, Antonella Rizzo e il suo libro A quelli che non sanno che esiste il vortice