top of page

Lavinia Dickinson Edizioni

  • Immagine del redattoreRedazione

“La bellezza rimane”, 1° premio in memoriam al poeta quattordicenne Lorenzo Bastelli

Premio Internazionale di Poesia “La bellezza rimane”, 1° premio in memoriam al poeta quattordicenne Lorenzo Bastelli. Lo ritira la mamma Francesca


Quando hanno letto la breve poesia “Rinascita” di Lorenzo Bastelli, in concorso al Premio Internazionale di Poesia “La bellezza rimane”, i giurati hanno provato la stessa commozione palpabile che pervadeva le mura della chiesa di Santa Maria Maggiore a Castel San Pietro Terme (Bologna) il 23 novembre dello scorso anno, quando la famiglia Bastelli e la comunità locale hanno dato l’ultimo saluto a Lorenzo. Lorenzo Bastelli era un poeta di soli 14 anni, che ha lottato contro il sarcoma di Ewing con un coraggio che ha toccato il cuore di tutti coloro che lo conoscevano.


“Un’amica, dopo aver appreso dell’istituzione del concorso di poesia a Santa Margherita Ligure,” racconta Roberto Malini, poeta laureato e presidente della giuria del premio, “ci ha segnalato una breve lirica scritta da quell’adolescente ricco di talento e coraggio. L’abbiamo letta e ci ha toccati nel profondo. Ci siamo detti che Lorenzo avrebbe vinto in qualsiasi caso, perché i suoi versi sono l’incipit di una canzone senza tempo. Dunque non si tratta, in realtà, di un premio in memoriam, non solo, ma di un premio al poeta più bravo. Saremo emozionati e orgogliosi di consegnare il certificato, insieme a un dipinto del maestro Sergio Massone, alla mamma di Lorenzo, Francesca”. Il giovanissimo autore era anche un atleta che giocava nella squadra locale di basket e un ragazzo intelligente, sensibile, pieno di gioia. Nelle parole del suo parroco don Gabriele Riccioni, si riflette la stessa grazia che caratterizza i versi di Lorenzo:“Festa, vita, gioia erano le tre parole che brillavano nel suo cammino. Il suo sorriso e la sua passione per la vita erano contagiosi, e condivideva questa gioia con tutti coloro che gli stavano intorno.”


La poesia “Rinascita” è stata letta anche in occasione delle sue esequie e ha reso ancora più tangibile la sua presenza. Con versi intensi, originali, emozionanti, Lorenzo ha descritto il percorso della sua lotta e della sua rinascita, lasciando a tutti coloro che l’hanno ascoltato un messaggio di speranza e forza d’animo. “Da parte nostra,” prosegue Roberto Malini, “non potremo mai dimenticare la piccola, immensa poesia di Lorenzo, che è simile al suo sorriso: luminosa, lieve, commovente e profondissima. Ci saranno altre edizioni del Premio e leggeremo ancora migliaia di poesie. Siamo consapevoli, tuttavia, che ‘Rinascita’ di Lorenzo Bastelli resterà il momento più alto dell’iniziativa, irripetibile, eterno”.


Nella foto, Lorenzo Bastelli; illustrazione in AI e pittura digitale di R. Malini Rinascita


di Lorenzo Bastelli


Io sono stato fiammifero decapitato


I ricordi torturavano il cuore


Le mani convulse tra loro lottavano


MA


Io sono una farfalla a fatica rinata


Respiro finalmente l’azzurro


Posso dormire sereno nella mia culla


***

Rebirth


by Lorenzo Bastelli


I once was a beheaded matchstick


Memories

tortured the heart


Hands, frantic, entwined, struggled


BUT


I am now a butterfly, reborn with effort


I finally breathe the blue


I can now peacefully slumber in my cradle





Comments


bottom of page